• Mons. Paolo Botto apre il processo informativo10 ottobre 1966: Mons. Paolo Botto, arcivescovo di Cagliari, inizia il Processo Informativo sulla fama di santità, vita e virtù di Fra Nicola da Gesturi (vengono ascoltati 39 testimoni e 6 testimoni per il processo sul “non culto”);
  • 29 dicembre 1967: a Roma inizia il Processo Rogatoriale per l’ascolto di un unico teste, P. Giorgio da Riano. Il processo si chiude il 27 aprile 1968 e il materiale relativo viene inviato al Tribunale di Cagliari;

  • 20 dicembre 1971: alla presenza dell’arcivescovo Card. Sebastiano Baggio si chiude a Cagliari il Processo Ordinario Informativo. Le carte del processo vengono inviate in Vaticano, a Roma, il 12 gennaio 1972 e viene decretata l’apertura dei Processi;

  • Tra il 1967 e il 1972 vengono anche affrontati i Processi sul “non culto” e “sugli scritti” del Servo di Dio, con esito positivo e i relativi decreti;

  • 11 febbraio 1977: dopo la discussione da parte della sacra Congregazione per le Cause dei Santi del 18 giugno 1976, Paolo VI decreta il NIHIL OBSTARE, affinché l’ordinario di Cagliari introduca la causa di canonizzazione del Servo di Dio;

  • 15 luglio 1977: l’arcivescovo di Cagliari, Mons. Bonfiglioli, dopo l’approvazione del Papa del precedente Processo Informativo e il “Nulla Osta” della Congregazione per le Cause dei Santi, istituisce il Processo Cognizionale e il relativo tribunale, la cui prima udienza si terrà il 22 febbraio 1978. In esso sono ascoltati 43 testi, 25 deiquali già interrogati nel precedente Processo Informativo;

  • 8 giugno 1982: si chiude il Processo Cognizionale;

  • 18 giugno 1982: viene aperto a Roma il Processo Cognizionale;

  • 23 gennaio 1986: la Sacra Congregazione per le Cause dei Santi emana il decreto sulla validità dei Processi precedenti. Nei tre Processi (Informativo di Cagliari, Rogatoriale di Roma, Cognizionale di Cagliari) sono ascoltati in totale 58 testimoni, tra cui 24 confratelli cappuccini di fra Nicola (20 sacerdoti e 4 fratelli laici);

  • 22 marzo 1989: Mons. Pietro Alberti, arcivescovo di Cagliari introduce il Processo sul miracolo;

  • 6 luglio 1989: nella chiesa Cattedrale si chiude il Processo sul miracolo;

  • 24 ottobre 1995: si riunisce il Congresso speciale della Congregazione per le Cause dei Santi costituito dal Promotore generale della fede e da 8 Consultori teologi per discutere sulla eroicità delle virtù del servo di Dio;

  • 5 marzo 1996: ha luogo in Vaticano la Congregazione Ordinaria dei Cardinali per l’esame delle virtù eroiche del servo di Dio;

  • 25 giugno 1996, alla presenza del Papa, viene pubblicato il decreto sull’esercizio eroico della virtù di fra Nicola da Gesturi, cappuccino, che viene nominato “Venerabile”; Il Processo diocesano sul presunto miracolo riguardante la sopravvivenza della bambina Valeria Atzori e attribuito all’intercessione di fra Nicola, dopo la stampa, è stato consegnato, dalla Congregazione, a due periti, per un parere medico-legale. I due hanno dato parere favorevole al riconoscimento del fatto come un avvenimento non spiegabile scientificamente;

  • 22 gennaio 1998: La Consulta medica ha votato positivamente (5 su 5 medici specialisti), dichiarando il caso scientificamente inspiegabile nel suo complesso;

  • 5 maggio 1998: la Commissione Teologica ha dato la sua approvazione al giudizio espresso dai medici e ha dichiarato la guarigione della piccola Valeria come un fatto miracoloso, da attribuire all’intercessione di fra Nicola;

  • 21 dicembre 1998: il Papa firma il decreto sull’autenticità del miracolo attribuito all’intercessione di fra Nicola;

  • 30 giugno 1999 la Segreteria di Stato del Vaticano annunzia la BEATIFICAZIONE di FRA NICOLA DA GESTURI, cappuccino sardo, disposta dal Santo Padre per il 3 ottobre 1999.

 

 

 

Formula usata da Papa Giovanni Paolo II per la beatificazione

 

Noi accogliamo il desiderio di molti nostri fratelli cardinali, vescovi e di molti fedeli.

Dopo aver ottenuto il parere della Congregazione delle Cause dei Santi,

con la nostra Autorità Apostolica,

concediamo

che il nostro Venerabile Servo di Dio Fra Nicola da Gesturi

d’ora in poi sia chiamato Beato e che si possa celebrare la sua festa,

secondo le regole stabilite dal diritto, l’8 giugno di ogni anno.

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

 

Roma, 3 ottobre 1999

Giovanni Paolo II