L’8 giugno è stata celebrata la festa in onore del Beato Nicola. Nelle nostre fraternità è stata ricordata la sua figura e meditato il suo messaggio che vuol essere un invito ad una vita di virtù che giunge all’eroismo nella fedeltà continua al proprio dovere e nel controllo perfetto di sé in mezzo a difficoltà grandi e piccole della vita quotidiana. A Cagliari, a cura della Vice Postulazione, che lavora per  la causa di canonizzazione del Beato,  sono stati programmati solenni festeggiamenti, che hanno visto una vasta partecipazione di fedeli,  di anno in anno sempre più numerosi, specialmente nella concelebrazione eucaristica che si tiene nel giardino del convento e nella suggestiva fiaccolata che attraversa le strade del quartiere di Stampace. Nei giorni 4-5-6, P. Roberto Sardu ha celebrato un triduo di preparazione alla festa. Il 7 è stato ricordato solennemente il pio transito del beato e l’8, giorno della ricorrenza, si sono susseguite le sante Messe ad ogni ora. Alla prima messa delle h. 7.00, si è proceduto alla benedizione dei panini che sono stati poi distribuiti ai tanti pellegrini.  Sono state caratterizzate da particolare solennità,  la messa delle h. 10.00 celebrata dal Ministro Provinciale, p. Giovanni Atzori e la concelebrazione della sera, presso il giardino del convento, presieduta dal vescovo cappuccino Mons. Francesco Gioia, Delegato pontificio della Basilica di S. Antonio di Padova nonché Presidente della Peregrinatio ad Petri Sedem a Roma. A tale funzione, tra i numerosissimi pellegrini, ha partecipato il Vice Presidente della Regione Sarda, on. Simona De Francisci, in rappresentanza del Presidente on. Ugo Cappellacci,  impossibilitato a presenziare a causa di  impegni istituzionali precedentemente assunti; mentre a nome della Provincia di Cagliari, ha preso parte il Dott. Piero Comandini, assessore alle Attività Produttive e Turismo. Anche in rappresentanza del Comune di Gesturi hanno partecipato un componente della  Giunta municipale e, come ogni anno, il Sindaco accompagnato dalla consorte. 

I festeggiamenti si sono poi conclusi Domenica 9 giugno, alle ore 20.00, con la splendida e toccante fiaccolata,  che ha visto la statua e la reliquia del Beato ripercorrere le strade del rione di Stampace, a lui tanto caro. Sono state effettuate soste davanti all’ospedale civile per pregare e benedire i malati e davanti al sagrato della  Chiesa di Sant’ Anna dove il parroco, don Luciano Pani,  ha parlato e benedetto la nutrita folla al seguito del Beato. Si è poi proseguito sino al Carcere di Buon Cammino, per farne il periplo e pregare con e per i carcerati. La Fiaccolata si è infine conclusa davanti al nostro santuario dove la statua del beato è stata accolta  dallo spettacolo emozionante dei fuochi d’artificio e, non meno emozionanti, sono state le parole efficaci e vibranti, che Padre Roberto ha rivolto ai fedeli, sul Sagrato della Chiesa del Santuario, a conclusione dei festeggiamenti.